RITIRO CAMPAGNA PUBBLICITARIA RAI TV CONSUMO DELLA CARNE

Questa petizione sarà consegnata a:

RAI TELEVISIONE ITALIANA; MINISTERO DELLA SALUTE

403 sostenitori


Per circa due  settimane, la   Rai manderà in onda degli spot pubblicitari sul consumo di carne bovina (italiana). La campagna si chiama “La stellina della carne bovina“. è promossa da   Assocarni ma finanziato dal ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), pertanto con i sodi di tutti, nostri, e diffuso da Rai pubblicità, sempre pagata da noi. Ed è pure la prima “Pubblicità accessibile e inclusiva” di Rai pubblicità, cioè pensata per essere recepita e compresa da tutte le persone, incluse sorde e cieche, perché  nessuno deve essere escluso dalla conoscenza dei benefici dell’uso della carne.

L’aumentare del numero di persone che si nutre sempre più in maniera consapevole, utilizzando prettamente verdure, eliminando la carne dal proprio menu’, desta non poca  preoccupazione agli allevatori. Così come desta preoccupazione l’appeal che abbiamo come   associazioni animaliste nel sensibilizzare circa gli allevamenti e come sono tenuti, e trattati gli animali in quei luoghi, che spesso, sono dei lagher. Gli attori coinvolti sono molti: c’è tutta un’economia che vive di quello, da chi produce e vende i prodotti chimici per i campi a chi coltiva il mais per gli allevamenti, da coloro che lavorano negli allevamenti a coloro che ammazzano gli animali, da coloro che trasformano la carne a coloro che semplicemente la vendono. Il valore economico generato da questo indotto di macelleria è di oltre 30 miliardi di euro all’anno, circa  1/6 dell’intero settore, per intenderci. 

I settori trattati nello spot sono  cinque,  e hanno a che fare col consumo di carne: nutrizione, sicurezza, ambiente, no spreco, economia.

1. Nutrizione: mangiare la carne fa bene (!). In una dieta sana e equilibrata, è consigliato l’uso della carne. Peccato,c he numerosi studi scientifici, avvalorino le tesi, secondo le quali, l’uso della carne è correllata a diversi tipi di tumore ( vedi quello al colon).

2. Sicurezza. la carne è controllata, dal punto di vista sanitario. Bene. e anche qui: peccato che non ci dicano come vivono gli animali durante la loro breve vita. Alla luce dei fatti, di allevamenti lagher, …siamo certi che la carne sia così sana?

3. Ambiente. l’uso della carne, permette un equilibrio delle biodiversità dell’ambiente. Bella affermazione e bel coraggio. Non è assolutamente vero: gli allevamenti, specie quelli intensivi sono la causa principe di impatti devastati maggiori con l’ambiente. Andiamo a vedere i valori del gas serra?

4. No spreco. …dobbiamo dilungarci? Delle carcasse, non si butta nulla. Neanche il dolore animale. Tutto è commerciabile. Talvolta ci viene da pensare che, questi soggetti, posano pensare che pure  il rispetto possa avere un codice a barre…

5. Economia. negli allevamenti ci lavorano  molte persone, quindi bisogna sostenere l’indotto e comprare, mangiare, ammalarsi…e fare partire un altro circolo economico, questa volta con le case farmaceutiche.

Diciamo  che per essere uno spot, pagato con i soldi nostri, è un po troppo, irriverente, irrispettoso, provocatorio nelle informazioni mendaci.

Per questo motivo, a PER UNA QUESTIONE DI SANITA’ E SALUTE SOCIALE, CHIEDIAMO AL MINISTERO DELLA SALUTE DI INTERVENIRE RETTIFICANDO E PRECISANDO QUANTO PUBBLICIZZATO, E ALLA RAI INTIMIAMO IL RITIRO IMMEDIATO DEGLI SPOT DALLE RETI TELEVISIVE.

L’informazione deve essere VERITIERA, TRASPARENTE e RISPETTOSA NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI/CONSUMATORI  E DI TUTTI COLORO CHE  DISPIEGANO ENERGIE E FORZE PER DIVULGARE UN MESSAGGIO DI RISPETTO DI ANIMALI E AMBIENTE.

Ci sentiamo infine, di aggiungere un punto, il n.6:

6. AGGRESSIVITA‘: è provato che un uso eccessivo di carne, induca l’umano a essere più aggressivo. E’ provato che attraverso le cellule, si trasmettano il dolore, la rabbia, la frustrazione che gli animali hanno sofferto in questo passaggio terreno. E’ provato, dalle nuove scienze.

Quindi…mangiare carne, così come bere latte, non è fondamentale nella nostra dieta.

Possiamo comunque vivere bene e forse, essere un pò piu sereni  tutti.