STOP AL PALIO DI SIENA PER MANIFESTA CRUDELTÀ VERSO GLI ANIMALI

Questa petizione sarà consegnata a:

MINISTRO AGRICOLTURA. MINISTRO AMBIENTE, RAI- RADIOTELEVISIONE ITALIANA, PROCURA DELLA REPUBBLICA DI SIENA

4834 sostenitori


Raol il cavallo del Palio, non e’ morto per la zampa rotta. E’ stato soppresso perché non serviva più per correre.

Pensate che giro di soldi e di malaffare c’è dietro queste manifestazioni.

E’ ora che si sappia, e che si parta dal principio che:

GLI ANIMALI SONO ESSERI SENZIENTI

  • CHE  IL PALIO NON E’ CULTURA NE’ APPARTENENZA  DI UNA COMUNITA’, DI UNA CONTRADA
  • NON E’ UNA TRADIZIONE, MA E’ UNA CORSA PER SOLDI
  • CHE NEL PALIO NON C’E ALCUN RISPETTO PER L’ANIMALE CHE CORRE PER FARE VINCERE UNA CONTRADA
  • CHE E’ UNA MANIFESTAZIONE CHE CONTA SULL’INCIDENTE, SULLA GRAVITA’ DELLA SITUAZIONE, PER RICHIAMARE L ‘ATTENZIONE, E IL RISALTO MEDIATICO
  • NON PUO’ E NON DEVE ESSERE UN PATRIMONIO DELL’UNESCO: NEL PALIO, NON C’E’ NESSUNA CULTURA.
  • I CAVALLI MORTI SONO INNUMEREVOLI, COSI COME SONO SICURAMENTE INNUMEREVOLI GLI INCIDENTI CHE AVVENGONO DURANTE LE PROVE E LA SELEZIONE DEI CAVALLI PORTATI A CORRERE
  • I FANTINI INGAGGIATI CORRONO PER SOLDI, E NON HANNO ALCUN TIPO DI LEGAME CON IL LUOGO, NON SENTONO  ALCUNA TRADIZIONE. VENGONO INGAGGIATI DALLE CONTRADE CHE, PAGANO PROFUMATAMENTE
  • TRA IL FANTINO E IL CAVALLO NON C’E’ ALCUN RAPPORTO STABILE, DI AFFETTO E RISPETTO: L’ANIMALE E’ VISTO SOLO COME UN MEZZO PER CORRERE E VINCERE, ALLA STREGUA DI UN CARROCCIO MEDIOEVALE O DI UN MEZZO DI FORMULA1
  • SPESSO I FANTINI SONO INDAGATI PER DOPING, MALTRATTAMENTO DI ANIMALI E TRUFFE
  • NELLO SPECIFICO POI, LA PISTA DOVE SI CORRE, A SIENA, HA DUE CURVE DI  90°: RAGIONE PER CUI, TECNICAMENTE, UN CAVALLO LANCIATO NELLA CORSA, RISCHIA CON UNA PROBABILITA’ ALTISSIMA (QUASI CERTA) L’INCIDENTE E VEDERE FINIRE LA SUA VITA, CON QUELL’ULTIMA FOLLE CORSA.

Per tutte queste motivazioni il MOVIMENTO POLITICO ORA RISPETTO PER TUTTI GLI ANIMALI VI CHEIDE DI FIRMARE QUESTA PETIZIONE, alla quale farà seguito:

  • DENUNCIA ALLA RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA PER TRASMISSIONE DI IMMAGINI VIOLENTE CHE EVIDENZIANO UN DEGRADO, ANCHE DI TIPO CULTURALE, NON PIU’ ACCETTABILE NEL NOSTRO PAESE
  • DENUNCIA AL MINISTRO DELL’AMBIENTE  PER LA CRUDELTÀ’ CON CUI GLI ANIMALI VENGONO USATI DALL’UOMO PER FINI ECONOMICI PERSONALI
  • DENUNCIA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PER ACCERTARE LO STATO DI SALUTE DI TUTTI GLI ANIMALI CHE HANNO PRESO LUOGO AL PALIO, E PROVVEDERE ALLE INDAGINI DEL CASO,  CIRCA L’EVIDENTE  GIRO DI AFFARI AD ESSO LEGATO